Io dirò la verità sulle donne quando avrò un piede nella tomba. La dirò, salterò nella mia cassa e tirerò giù il coperchio.

il sole tramonta sempre e poi risorge.

Annunci

mi levi le parole dalla mente.

Amare una persona significa: Averla senza possederla. Dare il meglio di sé senza pensare di ricevere. Temere di perderla, ma senza essere gelosi. Aver bisogno di lei, ma senza dipendere. Aiutarla, ma senza aspettarsi gratitudine. Essere legati a lei, pur essendo liberi. Essere un tutt’uno con lei, pur essendo se stessi. Ma per riuscire in tutto ciò, bisogna accettarla così, senza pretendere che sia come si vorrebbe.

25

amore per la sapienza.

« Per la magnifica libertà di parola e di azione che le veniva dalla sua cultura, accedeva in modo assennato anche al cospetto dei capi della città e non era motivo di vergogna per lei lo stare in mezzo agli uomini: infatti, a causa della sua straordinaria saggezza, tutti la rispettavano profondamente e provavano verso di lei un timore reverenziale »

la libertà è scelta, è movimento. la libertà non è libertà se è in solitudine.

istantanee.

vorrei non mostrare più neppure una foto di me.

le foto sono come i fogli già scritti. staannn, momento, stop e via.  io amo i fogli bianchi, le espressioni che cambiano, cambiano, cambiano a manetta.

per capirci.

“Quando io dico una cosa, essa perde subito e definitivamente la sua importanza; quando la scrivo la perde lo stesso, ma talvolta ne acquista una nuova.”

poi c’è l’arte, un’arma a doppio taglio come tutte le cose belle della vita.

(il vento sposta, il tempo sistema) datemi dell’acqua.

oggi un’altra X sul mio taccuino. unirò i puntini? l’ho chiesto ieri sera al mio nonno. quello che m’illuminava gli occhi quando mi diceva “ti amo. chiedimi la luna, andrò a prendertela”. m’ha risposto questa mattina, quando mi son svegliata e ho aperto gli occhi. mi risponderà ancora? questa volta spero tanto di sì.

io sono qui.

Sturm und Drang.

Davvero ci sono momenti in cui l’onnipresente e logica rete delle sequenze casuali si arrende, colta di sorpresa dalla vita, e scende in platea, mescolandosi tra il pubblico, per lasciare che sul palco, sotto le luci della libertà vertiginosa e improvvisa, una mano invisibile peschi nell’infinito grembo del possibile e tra milioni di cose, una sola ne lasci accadere.