ho una certa difficoltà nel darmi ragione, ma non è vero

1272061260922122

Consapevolmente autoritaria e rompi palle, la democrazia s’impara all’asilo ma io volevo fingere di imparare a fare le treccine per stare vicino al più bello di tutti che poi è diventato il mio migliore amico. Ci sono cose che vanno imparate subito; poi ci sono cose che vanno imparate nel tempo. Io per la maggior parte delle cose non ho avuto il tempo per aspettare e la voglia di farlo. Correre per arrivare dove volevo arrivare, fingendo di mentire e ragionando sulle pazzie. Poi diventi grande e una linea un giorno va tirata. La danzatrice non la puoi più fare. Inutile certezza quando apri le gambe per aprirle ancora di più ma più in la non vanno. La danzatrice è una professione che va rispettata e poi ci sono gli amatori, le ballerine, come nel calcio, nella dama, nella cucina. Da pochi mesi ho tirato la linea e ho consegnato alle cose la giusta sfumatura. Ogni dettaglio è consapevolmente cresciuto dentro di me, così come la consapevolezza che ‘potrebbe fare molto, ma non si impegna’, è una delle cose più vere e stronze che nella vita m’han detto. Dopo ‘sei il vento’. Tanta concretezza nelle passioni forti, quanta malinconica superficialità in quelle più difficili. Una stronza. Però ora che me ne sono accorta, è bello sentirsi così carica e motivata di fronte ai dettagli che per me fan la differenza.

 

Annunci